Piano di sviluppo territoriale a base culturale dell’Unione Montana Valle Susa

Premessa

Nell’ambito della collaborazione tra Promo PA Fondazione e la Consulta del Piemonte, si situa la richiesta dell’Unione Montana Valle Susa di sviluppare un piano di sviluppo territoriale a base culturale che, partendo dall’analisi di contesto e delle progettualità promosse dal territorio, vada ad individuare linee d’intervento utili all’Unione Montana per portare avanti in maniera efficiente le progettualità prioritarie, inquadrate nel sistema economico sociale territoriale, provinciale e regionale, con un’attenzione costante agli obiettivi dell’Agenda Europea della Cultura e alle missioni del PNRR.

Obiettivi

Obiettivo del progetto è organizzare le progettualità dell’Unione Montana Valle Susa per aree di interesse e linee di azione comuni, anche in relazione al PNRR e all’Agenda 2030, ma non solo. La finalità è quindi individuare un set di azioni progettuali in grado di dare una connotazione specifica al territorio nei prossimi anni, ben definiti in termini di destinatari, tempi, responsabilità che possano poi essere ulteriormente sviluppati dai singoli Comuni e finanziati con bandi nazionali ed europei.

Metodologia operativa

1) Analisi dei progetti in essere e dei documenti forniti dall’Unione Montana ed altri stakeholders chiave, ed eventuale aggiornamento degli stessi: tramite un’analisi desk sarà realizzata una mappatura delle progettualità in essere dell’Unione Montana, andando a definire quali sono i punti di forza e di debolezza, nonché le opportunità del territorio. In questa fase, sarà intavolato un dialogo con gli stakeholders per approfondire il livello di avanzamento delle progettualità (Studio di fattibilità, parzialmente finanziato etc.) e per conoscerne i macro obiettivi a lungo termine.

2) Benchmarking progetti: sulla base dell’analisi desk, sarà svolto un benchmarking con altre realtà simili in modo da fornire agli enti dei modelli di sviluppo utili alla definizione di linee di indirizzo specifiche, in corrispondenza con i principi dell’Agenda 2030 e, quindi, del PNRR.

3) Definizione delle principali linee d’intervento: grazie ai precedenti step, sarà possibile individuare le principali linee di intervento che potranno riunire le singole progettualità in macro-aree al fine di ottimizzare e rendere più efficiente il lavoro degli enti in visione della richiesta di fondi a livello nazionale e internazionale. Sulla base di tali linee d’intervento, ogni Comune potrà mettere a fuoco le progettualità su cui è opportuno lavorare in via prioritaria, anche in sinergia con altri soggetti.